NOTFILM

Un film di Ross Lipman
Stati Uniti, 2015, 128′

Con Kevin Brownlow, Steve Schapiro, Buster Keaton, Haskell Wexler e Barney Rossett
Soggetto, Sceneggiatura, Narrazione, Montaggio: Ross Lipman
Musica: Mihály Víg
Produzione e Distribuzione Internazionale: Milestone Films
Distribuzione italiana: Reading Bloom

Premi e Festival: London FF, CPH:DOX, Milano FF, Festivaletteratura

V.O inglese, sottotitoli in italiano

 

Nel 1964 il drammaturgo irlandese Samuel Beckett si imbarcò in una delle più affascinanti avventure della storia del cinema: la sua travagliata collaborazione con il genio del cinema muto Buster Keaton nella produzione di un controverso film d’avanguardia: Film. Il cortometraggio, che realizzò insieme al regista Alan Schneider, all’editore Barney Rosset e al direttore della fotografia Boris Kaufman, è stato oggetto di lodi e condanne. Cinquant’anni dopo il suo memorabile debutto alla Mostra del Cinema di Venezia, Ross Lipman, rinomato filmmaker e restauratore di Los Angeles, ne ripercorre l’appassionante vicenda produttiva in Notfilm, un “cine-saggio” che riporta alla luce materiali d’archivio straordinari – registrazioni audio, scene tagliate, fotografie, appunti, lettere – mostrando interviste inedite a critici, attori e cineasti.

 

«Ero nel mezzo del restauro di Film di Beckett e nel corso del lavoro sono divenuto amico con l’editore Barney Rosset che mi ha messo a disposizione scarti di riprese e alcune registrazioni audio. L’ispirazione mi ha colto guardando questi ciak scartati: seduto al tavolo di montaggio studiavo queste immagini del set abbandonato e deserto e dentro di me cresceva un senso di disperazione e di vuoto che penso sia alla base di tutta la produzione di Beckett. E come sempre c’era un sentimento comico e tragico al contempo. Così mi son chiesto: “Cosa potrei combinare con questo materiale?”. Ben presto ho capito che mi sarebbe piaciuto coreografare minuziosamente tutti questi materiali preziosi in un vero e proprio film.» – Ross Lipman


«
Un importante film sull’arte di fare cinema, capace di spiegare le fascinazioni di migliaia di cineasti per “la più grande pellicola irlandese” (Gilles Deleuze).» – L’Espresso

 

Vai al ☛ sito ufficiale
Leggi il ☛ pressbook
Guarda la ☛ videointervista

Date: